Il 14 giugno scorso, a Roma, l’ANCI ha depositato una proposta di legge di iniziativa popolare in Corte di Cassazione per introdurre nei piani di studio scolastici l’educazione alla cittadinanza.
«Questa proposta …vuole esprimere il sentire comune a tanti sindaci e amministratori locali che avvertono tutta l’urgenza di operare per una maggiore diffusione del senso di appartenenza alla comunità dei cittadini e delle cittadine italiani.» Così si legge nel cappello introduttivo alla proposta di legge d’iniziativa popolare, ed il Sindaco di Bari e presidente ANCI, Antonio Decaro, sottolinea come: «la proposta di legge punta a far crescere nelle nuove generazioni il senso di appartenenza alla comunità che è la base del vivere civile e solidale. L’ora di educazione alla cittadinanza, oltre a far conoscere i principi costituzionali, investirà su un aumento di consapevolezza rispetto ai beni di tutti e rispetto alle norme comportamentali. Farà capire, cioè, che il comportamento di ciascuno di noi, si tratti di rispettare una panchina o un concittadino, non è indifferente.»
In tantissime piazze Italiane saranno allestiti banchetti e gazebo per la raccolta delle firme, con eventi, declinati città per città, per coinvolgere quanta più gente possibile: anche il Comune di Mola di Bari intende sostenere l’iniziativa ed incoraggiare l’iniziativa. «Una proposta che, se accolta e attuata, getterà le basi per la crescita di Comunità più solidali e attente alla cura della casa comune.» – ha commentato il Sindaco Colonna.
Per tali ragioni presso l’Ufficio Anagrafe, ubicato al piano terra della casa comunale in via De Gasperi n. 135/137 a partire dal 25 luglio 2018, sarà possibile aderire all’iniziativa sottoscrivendo con la propria firma la proposta di legge.
Ufficio Stampa del Sindaco

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *